Ricettario d’autunno – Dolci della tradizione Ericina

Vogliamo farvi un regalo, un regalo d'autunno!
Abbiamo raccolto alcune, tra le più tipiche, ricette della tradizione ericina.

La Martorana, La Cotognata, I Biscottini al mosto, La Cuccìa e Il Vino cotto, golosità irrinunciabili durante il periodo che precede le festività natalizie. Le preparazioni di queste ricette, tramandate di generazione in generazione, sono la testimonianza di un ricordo ancora vivido di quei valori genuini di tempi lontani. I giorni di festa erano quelli in cui si poteva gustare il dolce tipico della tradizione, in cui le mamme trascorrevano ore ai fornelli in attesa dell'arrivo dei propri cari, in cui ci si sedeva attorno alla tavola imbandita e venivano svelati preziosi segreti culinari.

Il ricettario contiene cinque ricette ericine che si sposano alla perfezione con il Ky - Zibibbo Vendemmia tardiva - Fazio Wines, per gustare un vino dolce dai riflessi ambrati, mielato ed avvolgente, con spiccate note di confettura e di frutta matura.

*Curiosità*

I frutti di Martorana sono i dolci colorati e golosi che venivano regalati ai bambini nel giorno della “Festa dei morti”, il 2 novembre.

Le mele cotogne sono un frutto autunnale e maturano alla fine della vendemmia: vengono immerse nel “Vino cotto” o bollite insieme allo zucchero, e danno vita alla tradizionale Cotognata.

Tutto il sapore della tradizione e della cucina delle nostre nonne si ritrova nei biscotti al mosto di Nonna Rosa: un tempo venivano cotti nel forno a legna inondando di profumo le case e le cucine nelle serate autunnali.

“La Cuccia” è il grano cotto che si mangia, per tradizione, il giorno di Santa Lucia, il 13 dicembre. In tutta la Sicilia ci sono tantissime ricette, dalla più semplice, che abbina il grano bollito al vino cotto, alla più complessa, la nostra ricetta prevede una leggera crema bianca aromatizzata con limone e cannella.

Il Vino cotto è un prodotto della tradizione che si utilizzava per condire la Cuccìa il giorno di Santa Lucia, per aromatizzare i biscotti o cuocerci dentro le mele cotogne a fine vendemmia. Oggi si può usare anche per condire secondi e contorni, per sfumare le carni del ragù, aromatizzare le insalate o per abbinarlo ai formaggi.

Scopri anche gli ingredienti e tutti i procedimenti, nel dettaglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *